Cinema | Festival di Cannes 2012

Le Monde a Moretti: «crudele» lasciare i francesi a mani vuote

Per quanto incontestabile sia questo premio - spiega il quotidiano francese - film altrettanto appassionanti come «Holy Motors», di Leos Carax, «Cosmopolis» di David Cronenberg o «Dans la brume» di Sergei Loznitsa, avrebbero potuto ottenere qualcosa

Nanni Moretti

Nanni Moretti

CANNES - I premi assegnati a Cannes non sono piaciuti del tutto a Le Monde, che ha criticato le decisioni della giuria capitanata dal regista di «Habemus Papam», in particolare per avere lasciato a bocca asciutta francesi e americani. «Penso che ciò possa piacere a Moretti»; «Mi sorprenderebbe che fosse lo stile di Moretti»; «Chiaramente, tutto dipende da Moretti»: sono state queste le affermazioni più diffuse al termine di 12 giorni di proiezioni.

Come da pronostici, la Palma d'oro è stata assegnata ad Amour, del regista austriaco Michael Haneke, che l'aveva già ricevuta nel 2009 per il 'Nastro Bianco', e che entra così in un club molto esclusivo che conta Francis Ford Coppola e Bille August. Il film, che porta con sè «la classe infinita» di due leggende del cinema francese, Emmanuelle Riva e Jean Louis Trintignant, (e forse proprio per questo ha vinto), racconta di una coppia che naufraga tra la vecchiaia e la malattia.

Per quanto incontestabile sia questo premio - spiega il quotidiano francese - film altrettanto appassionanti come «Holy Motors», di Leos Carax, «Cosmopolis» di David Cronenberg o «Dans la brume» di Sergei Loznitsa, avrebbero potuto ottenere qualcosa.

Americani e francesi, ha insistito il giornale, se ne sono andati a mani vuote. Una decisione particolarmente «crudele» per i secondi, che meritavano di meglio; qualcuno di loro sognava un riconoscimento per la bella accoglienza fatta a «De rouille et d'os» di Jacques Audiard o per il ritorno di Leos Carax dopo 13 anni di assenza.

Liberation dedica la prima pagina ad Haneke e il titolo «'Amour', Palma di morte», in riferimento allo struggente film del regista austriaco naturalizzato francese, già vincitore del massimo premio nel 2009; la giuria non ha fatto altro che confermare dei valori sicuri, lasciando da parte dei film rischiosi, ma forse più audaci, bacchetta il quotidiano progressista. Per le Figaro, invece, tutto è «finito come era cominciato: in bellezza».

Seguici sui social network

Altre notizie

In primo piano

Comunicare a chi?

Ci risiamo. Renzi, sempre Renzi , fortissimamente Renzi. Prima le slid...

Che fare in caso dello scoppio della Terza guerra mondiale?

Tahir Bazarov, dottore in scienze psicologiche, professore dell'Univer...

Mogherini, Renzi e la «generazione Erasmus»

La giovane esponente democratica è stata fortemente sostenuta da Renzi...

L'inizio del declino del Meeting di Rimini

Anche se per gli organizzatori «non è cambiato nulla», che il Meeting ...

Sport

Van Ginkel-Milan, è fatta: «Felice di essere qui».

Il centrocampista del Chelsea, al termine di un lungo tira e molla, ac...

Inter furiosa: «Pretendiamo rispetto dagli arbitri»

Al termine del pareggio per 0-0 sul campo del Torino, all’Inter ...

Pennetta raggiunge Errani agli ottavi

La 32enne brindisina, testa di serie numero 11 e semifinalista a Flush...

Djokovic facile, Murray smarrisce un set

Andy Murray e Novak Djokovic non hanno dovuto patire granché – p...

SciTech

Twitter, analytics accessibili a tutti

L'azienda americana lancerà una nuova funzione per consentire ai suoi ...

Sfida nei cieli tra Amazon e Google

L'azienda di Mountain View sta testando l'uso di droni per la consegna...

NASA: Siamo in viaggio per Marte

Con queste parole l'amministratore della Nasa Charles Bolden ha di fat...

Amazon compra Twitch

Al sito streaming di videogiochi era interessata anche Google. Twitch,...

Cultura

«Outlaw Pete» di Bruce Springsteen diventa fumetto

Un libro illustrato, scritto con il cartoonist Frank Caruso, narra le ...

Destiny's Child pronte per la reunion?

Le Destiny's Child sono pronte a tornare insieme ed a partire per un n...

L'enoturismo di Sting, bufala mediatica o buona strategia?

La rete, grazie all'amplificazione mediatica incredibile dei social, c...

Lady Gaga e i Queen duetto a Sydney

Lady Gaga ha raggiunto la band inglese (ora impegnata in una serie di ...

Donna

Sanità pubblica addio? Lorenzin contro la spending review

Il ministro della Salute indica senza mezzi termini che se sulla sanit...

Sanità, Zaia: in Veneto la «rivoluzione degli angeli» nei pronto soccorso

Da lunedì nei pronto soccorso veneti ad assistere i pazienti ci sarann...

Venezia, «The look of silence»: Oppenheimer racconta il genocidio in Indonesia

Adi Rukun è un oculista di 44 anni, al quale hanno ucciso il fratello,...

Francesco Renga torna con «A un isolato da te»

In rotazione radio e tv, e presto anche su YouTube, il nuovo singolo d...

Motori

MotoGP: le pagelle del GP di Silverstone

Marquez alla undicesima vittoria stagionale, Rossi da record, Lorenzo ...

Rossi nella leggenda: «Sono quello che ha corso più di tutti»

Con 246 gran premi, Valentino Rossi diventa il pilota che ha gareggiat...

Marquez vince in volata su Lorenzo. Rossi 3°

Gara da infarto dal primo all'ultimo giro. Lorenzo, sempre in testa, v...

Moto3: Bastianini 3° beffato da Rins e Marquez

Scatenato il pilota italiano del Team Gresini, la volata sul traguardo...