Cinema | Festival di Venezia

I festival si contendono la «Bella addormentata»

Sarà a Toronto, già nei prossimi giorni, poi a Londra, Busan, Tokyo, Mosca e Rio. Il film di Bellocchio racconta diverse storie sullo sfondo degli ultimi giorni di vita di Eluana Englaro

Marco Bellocchio e Toni Servillo

Marco Bellocchio e Toni Servillo

VENEZIA - Dopo essere stato presentato in concorso alla Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia dove ha suscitato grande interesse riscuotendo 16 minuti di applausi del pubblico, «Bella addormentata» di Marco Bellocchio ha iniziato un lungo percorso in tutto il mondo attraverso i festival che l'hanno già invitato. Sarà a Toronto, già nei prossimi giorni, poi a Londra, Busan, Tokyo, Mosca e Rio.

IL CASO ENGLARO - Il film di Bellocchio racconta diverse storie sullo sfondo degli ultimi giorni di vita di Eluana Englaro. Dalla vicenda di un senatore del Pdl (Toni Servillo), che nei giorni precedenti alla morte di Englaro decide di votare contro il provvedimento che si sta discutendo in Parlamento, a quella di sua figlia (Alba Rohrwacher) che manifesta con il movimento per la vita di fronte alla clinica di Udine e si innamora di un giovane (Michele Riondino)impegnato a favore dell'eutanasia. Tra le altre storie anche quella di un'attrice (Isabelle Huppert) la cui figlia è in coma.
«Bella addormentata» è dato tra i favoriti per il Leone d'oro o per una altro riconoscimento importante. I premi saranno assegnato questa sera nella cerimonia di chiusura della 69esima edizione del festival.